Bagno di Diana

Bagno di Diana

I dipinti ad olio su tela raffiguranti il Bagno di Diana e Narciso alla fonte, datati 1578-1660 e attribuiti a Francesco Albani, sono di proprietà del Circolo Ufficiali Forze Armate d’Italia.

Per il Bagno di Diana le operazioni di restauro hanno riguardato prevalentemente la superficie pittorica escludendo interventi sul supporto, in quanto quest’ultimo, essendo già stato interessato da una foderatura, non presenta fenomeni di deformazioni e/o lacerazioni. La superficie pittorica era ricoperta da uno spesso strato di vernici alterate, le quali in parte occultavano una cospicua quantità di ridipinture e ritocchi apportati all’opera nel corso del tempo.

L’osservazione alla luce UV, mediante lampada di Wood, ha confermato ciò che si poteva supporre ad un primo rapido sguardo.
Facendo dei test pulitura si è compresa l’entità dello spessore degli strati sovrammessi e soprattutto la differenza cromatica della superficie originale con quella attuale. La tonalità del cielo come quella degli incarnati, eliminando la vernice ingiallita, risultava essere più luminosa e fredda.